CONTENIMENTO DEL POLIOVIRUS VS IL VAIOLO

Intervista a David Heymann

Il mese scorso abbiamo parlato con il professor David Heymann, capo del Containment Advisory Group, di alcune somiglianze e differenze tra il contenimento del poliovirus e del vaiolo e del lavoro del CAG. Con decenni di esperienza nel campo della sanità pubblica, David ha lavorato per gestire e frenare la diffusione della SARS, Ebola, Zika, HIV, malaria e morbillo - e questo in aggiunta agli sforzi per l'eradicazione della polio e del vaiolo! Attualmente è docente di Epidemiologia delle malattie infettive presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine e direttore del Centre on Global Health Security di Chatham House, Londra.

David Heymann

D: Come parte della Sua vasta esperienza con le malattie infettive, Lei è stata coinvolta negli sforzi per sradicare il vaiolo, una malattia che ha causato la morte di oltre 300 milioni di persone solo nel XX secolo. Come si è fatta coinvolgere nello sforzo e quali sono state alcune delle difficoltà affrontate per arrivare all'eradicazione?

Per il programma sul vaiolo sono stato assunto dall'OMS come consulente a breve termine e ho trascorso due anni con il programma sul campo, nello Stato del Bihar, in India.

L'eradicazione del vaiolo era in realtà molto semplice da realizzare. È stato abbastanza semplice, con due strategie basilari: ricerca e contenimento. La componente di ricerca consisteva nel cercare bambini o adulti che mostrassero i segni classici del vaiolo, andando di casa in casa, nei villaggi, nelle comunità, nei mercati e nelle feste religiose, ovunque la gente si radunasse. Abbiamo portato con noi delle foto per far vedere come appariva il vaiolo, così la gente sapeva cosa stavamo cercando e cosa individuare. Abbiamo spiegato che il nostro lavoro era di sconfiggere questa malattia e alleviare il dolore e la sofferenza; e le comunità erano molto ricettive.

Dopo aver individuato un paziente, ottenevamo il suo indirizzo di casa e programmavamo una visita a domicilio. Se veniva diagnosticato che avesse il vaiolo, il paziente veniva isolato e si procedeva alla vaccinazione locale – "attività di contenimento" - di circa 30 famiglie che vivevano vicino a quel paziente.

D: Quindi, secondo Lei eradicare il vaiolo è più facile che eradicare la polio?

Sì. Rispetto alla polio, il vaiolo è molto più facile da debellare. Una delle ragioni principali è la natura stessa della poliomielite, per la quale si manifesta solo 1 caso su circa 200 casi sintomatici. Per il vaiolo, ogni infezione porta alla stessa manifestazione clinica della malattia e questo ha reso i pazienti più facili da individuare e isolare. Inoltre, è stato facile il monitoraggio e l'isolamento immediato nei casi di contagio, se mostravano segni di febbre.

Da un punto di vista logistico, è stato necessario l’impiego di molto meno vaccino per arrestare la trasmissione del vaiolo, poiché la strategia non era l'immunizzazione di massa, ma la vaccinazione concatenata – ossia vaccinare i membri delle famiglie che vivono nelle vicinanze del paziente, e tutte le altre persone che erano venute a contatto con il paziente. Il vaccino era stabile al calore, il che significa che poteva essere portato ovunque senza ricorrere al sistema della catena del freddo. È non è così per il vaccino antipolio che deve essere conservato e trasportato a basse temperature.

D: Quale dei virus è più contagioso? E quali sono alcune delle differenze in termini di contenimento?

I virus sono infettivi in diversi modi: la variola è contagiosa attraverso il contatto diretto delle goccioline, ad esempio quando un paziente starnutisce, o attraverso la contaminazione da pus dalle lesioni del vaiolo. La poliomielite si trasmette per via orale e fecale. Può entrare facilmente nei sistemi idrici, quindi è molto più facile da trasmettere del vaiolo, e ha un maggiore potenziale di diffusione.

Quando guardiamo al contenimento, le cose sono molto più complesse per la polio. Una delle principali differenze è che la strategia finale della sconfitta della polio non prevede che il virus [della polio] sia sradicato quasi universalmente, così come per il vaiolo. Ci sono 26 Paesi che vogliono continuare a tenere vivo il poliovirus ai fini della ricerca e produzione di vaccini. Abbiamo a che fare non solo con il poliovirus selvaggio, ma anche con i ceppi di virus vivo scoperti da Sabin che si trovano nel vaccino orale antipolio. Abbiamo a che fare con materie infettive e potenzialmente contagiose. Inoltre, il virus è stato ricreato ex novo da un laboratorio di ricerca. Quindi, si tratta di una partita finale molto complicata.

Il contenimento del vaiolo era relativamente facile da gestire. C'è stata una risoluzione dell'OMS per distruggere o trasferire i materiali adottata dai diversi Paesi e le cose si sono mosse piuttosto rapidamente.

Fonte:

http://polioeradication.org/news-post/poliovirus-vs-smallpox-containment...

Riconoscere i pericoli della polio e passare all’azione

Negli ultimi 30 anni, il numero di casi di polio è diminuito del 99,9%. Tuttavia, da quanto delineato qui sopra, si può vedere che la situazione attuale non è qualcosa da sottovalutare. Occorre il tuo sostegno per eliminare per sempre polio dal pianeta.

1. Giornata Mondiale della Polio

Il 24 ottobre 2019, celebriamo World Polio Day, una speciale ricorrenza durante la quale ci sarà un aggiornamento globale sulla online sulla pagina Facebook di @RotaryItalia, a partire dalle ore 19.00. Scopri i progressi delle attività di eradicazione della polio e le ultime informazioni. Il programma di quest'anno presenterà alcune storie di coloro che sono impegnati negli sforzi di eradicazione. Inoltre, cosa possiamo fare adesso, lavorando insieme.

Se il tuo club o distretto pianifica attività o eventi a favore dell'eradicazione della polio, svolti o da svolgere, dal 1º gennaio al 31 dicembre 2019, non dimenticare di registrarli sul sito endpolio.org/it.

2. Gara ciclistica per l'eradicazione della polio

Il 23 novembre, il Segretario generale del Rotary International John Hewko e sei membri dello staff parteciperanno a Miles to End Polio, una gara ciclistica di 100 miglia, per raccogliere fondi per le attività di eradicazione della polio.

Articoli correlati:

-nessuno-