Eradicare la polio tra una pandemia e uno sconvolgimento politico

Sullo sfondo di una pandemia globale in corso e di sconvolgimenti politici in Afghanistan, continuiamo a fare progressi significativi nell'eradicazione della polio, dimostrando la resilienza e la determinazione di tutti coloro che restano impegnati per realizzare un mondo senza polio per i bambini di tutto il mondo. 

Anche se quest'anno può sembrare un po' diverso, visti gli eventi attuali, per la Giornata Mondiale della Polio, il 24 ottobre, riflettiamo sui progressi che abbiamo fatto e sulle sfide che abbiamo affrontato non solo nell'ultimo anno ma in tutta la storia del programma PolioPlus.

Celebrare il progresso
Dal 29 settembre 2021, sono stati riportati solo due casi di polio causati dal poliovirus selvaggio - uno in Afghanistan e uno in Pakistan. C'è stata anche una significativa riduzione del poliovirus selvaggio rilevato nell'ambiente. In declino sono anche i casi di poliovirus di derivazione vaccinale circolante (cVDPV), che si verificano quando il virus vivo e indebolito usato nel vaccino orale contro la polio circola in comunità sottoimmunizzate e ritorna con particolare vigore che può causare paralisi. (La Global Polio Eradication Initiative [GPEI], di cui il Rotary è un partner fondatore, ha introdotto un nuovo vaccino per ridurre il rischio di cVDPV).

Non c'è dubbio che l'inizio della pandemia COVID-19 è stato un periodo di estrema incertezza per gli sforzi globali di eradicazione della polio e per gli sforzi di immunizzazione in generale. Nel giro di pochi mesi, però, il programma PolioPlus si è adattato e ha messo in atto nuovi modi di operare per garantire che le attività di immunizzazione della polio potessero continuare in sicurezza. Allo stesso tempo, coloro che sono impegnati nell'eradicazione della polio hanno fatto leva sulla loro esperienza e il GPEI ha usato la sua infrastruttura per sostenere la risposta al COVID-19.

Superare le sfide
La situazione in Afghanistan presenta maggiori incertezze ma anche possibili opportunità. Come entità apolitica, la GPEI ha una lunga storia di lavoro con vari stakeholder nel Paese, inclusi funzionari governativi e organizzazioni non governative. Lo staff dell'Organizzazione mondiale della sanità e dell'UNICEF è rimasto in gran parte nel Paese. Le vaccinazioni contro la polio continuano attraverso squadre di transito permanenti collocate nelle aree ad alto traffico della maggior parte delle regioni, nei siti di confine e in un punto di transito sponsorizzato dal Rotary nella provincia di Kunar.

Il presidente della commissione PolioPlus del Rotary in Afghanistan fa parte delle discussioni con le autorità locali per riprendere al più presto le campagne di immunizzazione per proteggere i progressi fatti finora e salvaguardare i bambini dal poliovirus. 
Nonostante i cambiamenti politici, non c'è stato un grande impatto sulla sorveglianza per individuare il poliovirus. Le indagini sui casi, la raccolta di campioni di feci e i test ambientali continuano, e i campioni e liquami vengono spediti a un laboratorio in Pakistan.  

Stiamo anche monitorando il potenziale impatto della situazione in Afghanistan sul Pakistan, l'unico altro Paese in cui la polio rimane endemica, per quanto riguarda l’afflusso di rifugiati. Il programma PolioPlus in Pakistan sta costruendo sui progressi che ha fatto migliorando la qualità della campagna e aumentando la sensibilizzazione della comunità per immunizzare i bambini che continuano a non essere raggiunti dalle vaccinazioni antipolio nelle aree a più alto rischio: Sindh, Khyber Pakhtunkhwa e Baluchistan.

Un futuro di ottimismo
In questa Giornata Mondiale della Polio, celebriamo i progressi che abbiamo fatto da quando il Rotary ha lanciato il suo programma PolioPlus nel 1985, e ci stupiamo dell'opportunità di eradicare una malattia umana solo per la seconda volta nella storia. Pur essendo realistici sulle sfide, la GPEI ha un record di operazioni di successo durante complesse emergenze sanitarie e umanitarie in Paesi e regioni come l'Angola, la Nigeria settentrionale, la Somalia e la Siria.

Lasciamoci ispirare dall'impegno incrollabile della nostra organizzazione, dei nostri partner del GPEI e del governo e degli eroici lavoratori in prima linea mentre continuiamo la nostra opera per migliorare la salute dei bambini ovunque essi vivano.  

Questi numeri mostrano i progressi che abbiamo fatto contro la polio nel corso degli anni:
•    Circa 3 miliardi di bambini sono stati vaccinati contro la polio. 
•    19,4 milioni di persone che altrimenti sarebbero state paralizzate dalla polio oggi possono camminare.
•    1,5 milioni di morti infantili sono state evitate grazie alla somministrazione di vitamina A - un nutriente essenziale per una crescita e uno sviluppo sani - ai bambini durante le campagne di immunizzazione contro la polio da parte del GPEI.
•    I casi di polio causati dal poliovirus selvaggio sono stati ridotti di oltre il 99,9%.
•    Il numero di Paesi che riportano casi di polio causati dal virus selvaggio è stato ridotto da 125 a due. 
•    Il Rotary ha investito più di 2,2 miliardi di dollari negli sforzi di eradicazione globale della polio.
•    Il Rotary ha anche aiutato ad assicurare altri 10 miliardi di dollari in donazioni per gli sforzi globali di eradicazione della polio da parte dei governi.
•    122 Paesi hanno ricevuto il sostegno delle sovvenzioni PolioPlus.
•    Se gli sforzi di eradicazione della polio si fermassero ora, entro 10 anni, 200.000 bambini potrebbero rimanere paralizzati ogni anno.

Carol Pandak è direttrice di PolioPlus del Rotary da 21 anni. Durante questo periodo, ha viaggiato in più di 35 Paesi, ma il suo momento più memorabile - che non dimenticherà mai - ha avuto luogo in India, quando ha immunizzato un bambino contro la polio per la prima volta. 

-nessuno-

Hai una storia sulla polio da raccontare?
Condividi la tua storia
Rotary International | Dic. 13, 2021