Un tour in bici per vaccinare le comunità filippine contro la polio

Racconto d Bernard Vonn Sia, ex presidente del Rotary Club di Cebu nelle Filippine, raccolto da Arnold R. Grahl

All'inizio del 2019, il Rotary Club di Cebu nelle Filippine si è riunito per trovare un modo per aumentare i tassi di immunizzazione nella nostra isola. Il fatto che nel 2018 solo il 66% dei bambini aveva ricevuto il vaccino orale contro la polio ci preoccupava.

La campagna del Rotary per eradicare al polio è iniziata 40 anni fa nel nostro paese, quando il Rotary International ha vaccinato 6 milioni di bambini filippini in collaborazione con l'Organizzazione mondiale della sanità e con il Ministero della Sanità delle Filippine. Dovevamo intervenire per convincere i genitori a vaccinare i propri figli e riportare così il valore alla percentuale del 95% necessaria per impedire epidemie delle malattie prevenibili con il vaccino, come la polio.

Nel 2015 ho partecipato a El Tour de Tucson, raccogliendo 60.000 dollari per la campagna PolioPlus. Ho avuto il privilegio di pedalare insieme ai ciclisti del Rotary provenienti da tutti gli Stati Uniti e da altri Paesi in occasione di Ride to End Polio, un evento organizzato dal Distretto 5500. Durante i preparativi per la nostra iniziativa Cebu Perimeter - Ride to End Polio, svoltasi dal 22 al 24 novembre 2019, quei ricordi erano vividi nella mia mente. 

Abbiamo selezionato 20 ciclisti per percorrere i 576 chilometri del perimetro dell'isola in tre giorni. Il fatto di compiere l'intero anello attorno all'isola ha simboleggiato il nostro desiderio di proteggerla contro questa terribile malattia. L'obiettivo era aumentare  la consapevolezza e raccogliere fondi  per la campagna PolioPlus, ma anche vaccinare i bambini contro la polio. Abbiamo collaborato con il Ministero della Sanità e con le autorità locali per organizzare eventi di immunizzazione di massa in diverse comunità lungo il percorso.

L'iniziativa ha avuto un successo davvero enorme! Voglio condividere alcuni punti che potrebbero essere utili a chiunque intenda organizzare un evento simile contro la polio:

- Quando possibile, abbiamo pedalato in gruppo per aumentare la visibilità. Abbiamo indossato maglie dai colori vivaci realizzate sul posto.

- Due settimane prima dell'evento, abbiamo distribuito grandi striscioni e cartelli ai negozianti dell'intera isola per far crescere l'interesse. 

- Abbiamo collaborato con l'amministrazione e le autorità locali per individuare lungo il percorso le città adatte dove organizzare eventi di immunizzazione di massa. Abbiamo chiamato clown e animatori per rendere divertenti questi eventi e distribuito dei sacchetti con regali ai bambini per intrattenerli mentre aspettavano di essere vaccinati.

- Abbiamo personalizzato cinque mezzi di supporto con la frase End Polio Now e con un messaggio sull'importanza delle vaccinazioni.

- Durante il tragitto, un grande furgone ci precedeva per attirare l'attenzione e dagli altoparlanti si sentiva un jingle che il nostro Ministro della Sanità ha reso famoso. Due bus ci seguivano con cartelloni con la scritta End Polio Now e informazioni sulla nostra prossima tappa. 

- Alle manifestazioni, abbiamo distribuito adesivi con la scritta "In questa casa la polio non c'è" alle famiglie per continuare a far crescere la consapevolezza anche dopo il tour in bici.

Non potrò mai abbastanza di quanto sia fondamentale coordinarsi con l'amministrazione e le autorità locali. Abbiamo collaborato con il Ministero della Sanità, lo stesso partner del Rotary International 40 anni fa. Ho incontrato i rappresentanti del ministero e i sindaci delle municipalità, ed essere un Rotariano mi ha permesso di trasmettere l'impegno del Rotary per l’eradicazione della polio e di dimostrare la nostra volontà di collaborare con i nostri partner per mettere fine a questa malattia. Convincerli a unire le loro forze alle nostre non è stato affatto difficile. 

Ogni giorno siamo rimasti in sella per circa sette ore e il secondo è stato il più duro perché l'adrenalina della partenza era ormai svanita e il vento era molto forte. Il terzo giorno avevamo ormai recuperato le energie e questo ci ha aiutati ad affrontare un tratto imprevisto di percorso non asfaltato. Ogni volta che arrivavamo in una città per vaccinare i bambini, mentre gli altri si riposavano, io andavo a incontrare il sindaco e mi occupavo delle pubbliche relazioni.

Ero davvero esausto ma anche molto appagato. Abbiamo raccolto 20.000 dollari per la campagna PolioPlus e siamo stati accolti da centinaia di bambini e genitori in ogni città lungo il percorso. Quando sei esausto per le ore passate pedalando, questo è il genere di risposta che ti serve per andare avanti.
Continuiamo a promuovere altre iniziative per far crescere la consapevolezza sull'eradicazione della polio e sulla necessità di vaccinare contro le malattie che si possono prevenire. Se vuoi saperne di più sul nostro tour in bici, contattaci tramite il nostro sito web o su Facebook.

-nessuno-

Hai una storia sulla polio da raccontare?
Condividi la tua storia
Global Polio Eradication Initiative | Mag. 14, 2020